L’Inghilterra batte la Svezia 2-0 a Samara e vola meritatamente alle semifinali. Nonostante abbia messo in mostra una discreta organizzazione di gioco, due o tre individualità di buon livello, una determinazione feroce, la Svezia ha mostrato infatti di essere una squadra a cui difettano qualità e inventiva. Dopo il colpo di testa vincente di Maguire nel primo tempo su azione da calcio d’angolo, la nazionale di inglese è riuscita a dare il meglio con ottime trame veloci e a trovare il raddoppio nella ripresa con talentuoso Deli Alli. In semifinale incontrerà la Croazia e dunque avrà concrete possibilità di provare a bissare il successo di oltre 50 anni fa. Southgate infatti ha saputo costruire una squadra ben organizzata in difesa, con un centrocampo ben assortito in cui spiccano a qualità di Deli Alli e il talento di Lingard. In attacco Sterling è impreciso ma mette più volte lo scompiglio nell’area svedese con le sue accelerazioni, mentre Kane, anche quando non segna, gioca per la squadra creando varchi. Si è distinto anche il portiere Pickford, con almeno due interventi di rilievo. 

 

Nella gara disputata in serata contro i padroni di casa della Russia a Sochi è la Croazia a spuntarla ai rigori e a conquistare la semifinale. Dovrà vedersela l’11 luglio contro l’Inghilterra. il primo tempo si gioca su ritmi altissimi, e alla lunga è la Croazia a prendere in mano il dominio del centrocampo, grazie soprattutto ai due leader di centrocampo  Rakitic e soprattutto Modric, di gran lunga il migliore in campo. Sono però i padroni di casa, al 31′ del primo tempo a  trovare il gol grazie al bomber Cheryshev, che da circa 22 metri, batte Subasic con un gran tiro che manda il pallone a insaccarsi sotto la traversa. Lo stadio di Sochi è tutto per lui. Passano solo 8′ e i croati confezionano il pari con Kramaric su assist di Mandzukic. Nella ripresa cresce ancora la Croazia che però fatica a finalizzare. Si va così ai supplementari: la Croazia va per la prima volta in vantaggio con un colpo di testa di Vida. La Russia, però, non molla, e al 10′ del secondo tempo supplementare coglie il pari con Fernandes di testa. Poi i rigori: la Russia ne sbaglia due e la Croazia uno e Rakitic segna quello decisivo. Ma il protagonista del finale sarà il portiere croato Subasic,  che para un rigore nonostante si fosse seriamente infortunato nel finale dei tempi regolamentari.

Quarti di finale

Semifinali

(com.unica, 7 luglio 2018)

Share This: