Dopo l’esibizione alla Festa della Musica di Roma, il 21 giugno, I Solisti Aquilani saranno di nuovo nella Capitale, ospiti di una prestigiosa rassegna: Il giardino ritrovato. Arte, musica e spettacoli a Palazzo Venezia. Concerti, conversazioni di architettura, rappresentazioni teatrali e spettacoli di teatro e di danza si avvicenderanno fino al 9 settembre nel giardino di Palazzo Venezia: 150 gli eventi di questa edizione realizzata dal Polo Museale del Lazio.

Sarà Giovanni Sollima con i Solisti Aquilani a dare il via, il 26 giugno, ore 21,00 alla lunga kermesse, che ospiterà, tra gli altri, il duo Rezza-Mastrella, Noa, Giulio Scarpati, Rita Marcotulli, Ascanio Celestini, Fabrizio Bosso e tanti altri.Ancora una vetrina straordinaria all’insegna di un sodalizio – quello con Sollima – che va avanti da alcuni anni e che ha siglato appuntamenti prestigiosi in Italia e all’estero.

Il concerto in cartellone scandaglierà le sonorità di uno degli strumenti più affascinanti della famiglia musicale, il violoncello. Verranno eseguiti brani di Vivaldi (Concerto in la minore per vlc, archi e b. c.), G. Donizetti (Concerto in re minore per violino, violoncello e archi; violino Daniele Orlando), J. S. Bach (Concerto Brandeburghese n.3 in sol magg.), L. Boccherini (Concerto n.3 in sol maggiore per vlc e archi) e dello stesso Sollima (L. B. files” per violoncello, archi e sampler), che si esibirà nella doppia veste di direttore e violoncello solista.

Giovanni Sollima è riconosciuto unanimemente come uno dei più grandi virtuosi del violoncello. Collaboratore di grandi personalità della musica, da Claudio Abbado e Giuseppe Sinopoli a Philip Glass, Dj Scanner, Patti Smith, ha cominciato da giovanissimo a muoversi  in sedi ufficiali e in ambiti alternativi, tenendo concerti di alto livello, come solista o in ensemble, alla Carnegie Hall (New York), alla Wigmore Hall (Londra), all’Accademia di Santa Cecilia (Roma), e in eventi come il Summer Festival di Tokyo, l’Expo a Shangai, la Biennale di Venezia. Al suo attivo ci sono anche collaborazioni con il mondo della danza e del teatro. Per la danza, si ricordano quelle con Karole Armitage e Carolyn Carlson; per il teatro, quelle con Bob Wilson, Alessandro Baricco e Peter Stein; per il cinema con Marco Tullio Giordana, Peter Greenaway, John Turturro e Lasse Gjertsen. Insegna presso l’Accademia di Santa Cecilia a Roma, dove è anche accademico effettivo, e alla Fondazione Romanini di Brescia. Suona un violoncello Francesco Ruggeri fatto a Cremona nel 1679.

A. VIVALDI, Concerto in la minore per vlc, archi e b. c. RV 420
G. DONIZETTI, Concerto in re minore per violino, violoncello e archi
(violino, Daniele Orlando)
J. S. BACH, Concerto Brandeburghese n.3 in sol mag BWV 1048
L. BOCCHERINI, Concerto n.3 in sol maggiore per vlc e archi G 480
G. SOLLIMA, “L.B. files” per violoncello, archi e sampler

(com.unica, 25 giugno 2018)

Share This: