Presieduta da Angelo Sollazzo, la Confederazione degli Italiani nel Mondo (Cim) terrà la propria Conferenza Nazionale il prossimo 23 ottobre, presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari della Camera dei Deputati, per la presentazione ufficiale del prossimo XIII Congresso Mondiale. “Gli italiani nel mondo, grande risorsa per i borghi delle origini” il tema della conferenza che sarà illustrata oggi, 10 ottobre, alle 13, nella sala stampa della Camera.
Temi dell’evento, anticipa il presidente, saranno il Mezzogiorno, il rientro dei pensionati italiani dall’estero, l’agricoltura, la montagna e la salvaguardia ed il ripopolamento dei Borghi.
La Cim, sottolinea Sollazzo, “operante in Italia e all’estero da oltre 25 anni, promuove la cultura italiana, il made in Italy, le nuove capacità tecnologiche ed imprenditoriali da esportare nei vari Paesi di accoglimento; sostiene il turismo da e per l’Italia e tutte le iniziative a salvaguardia degli interessi degli italiani nel mondo. La Cim è un’organizzazione associativa dei residenti all’estero, per scelta statutaria e congressuale assolutamente autonoma dai governi, dai partiti e dai sindacati ed opera per la soluzione dei problemi dell’emigrazione, per la difesa dei diritti politici, civili e sociali degli italiani nel mondo, per la loro integrazione paritaria nei Paesi ospitanti, nel rispetto delle singole peculiarità culturali e linguistiche”.
“Oltre settanta milioni d’italiani nel mondo contro circa sessanta milioni di residenti in patria: questa”, sottolinea Sollazzo, “è una realtà unica, nonché una risorsa formidabile, per i paesi ospitanti e per quello d’origine. Le categorie imprenditoriali ed industriali costituiscono la grande maggioranza della platea associativa della Cim”.
“Gli italiani nel mondo, grande risorsa per i Borghi delle origini”, come detto, il tema della conferenza del 23 ottobre che sarà presieduta da Sollazzo.
Dopo una introduzione di Fiorello Primi, presidente Associazione Borghi più Belli, interverranno Giuseppina Occhionero, deputata (Leu) su “Emigranti e ritorno nei borghi d’Italia alla ricerca delle radici”; Lucio d’Alessandro, rettore dell’Università Suor Orsola Napoli, su “Agricoltura è cibo, è salute, è cultura”; Magda Antonioli dell’Università Bocconi Milano su “Il mondo dei Borghi, tra abbandono e rilancio”; Salvo Iavarone, presidente Asmef, su “Il Mezzogiorno d’Italia, una nuova politica per il suo sviluppo”; e Franco Cavallaro, membro OICE, sul “Decadimento, ristrutturazione e restauri del patrimonio dei Borghi”.
Le voci del territorio e dai Borghi saranno quelle di Markus Maurmair, sindaco di Valvasone Arzene (PN), Pietro Macaluso, sindaco di Petralia Soprana (PA), e Antonio Vella, vicesindaco di Monteverde (AV).
In rappresentanza del mondo associativo interverranno Bruno Molea, presidente Associazione Italiana Cultura Spor, Domenico Mamone, presidente UNSIC (Unione nazionale sindacale imprenditori coltivatori), e Luca Bondi, presidente Semi di Pace.

com.unica, 10 ottobre 2019

Share This: