Londra celebra la carriera del grande architetto italiano con una mostra alla Royal Academy of Art

Renzo Piano. The Art of Making Buildings” è il titolo della mostra che la prestigiosa sede museale britannica ospiterà dal 15 settembre 2018 al 20 gennaio 2019, presentando, per la prima volta dopo 30 anni, una collezione di disegni e modelli su scala reale delle opere chiave progettate dal pluripremiato architetto. Insieme al senso di leggerezza e alla interazione fra tradizione e innovazione che li contraddistingue, gli edifici progettati da Renzo Piano si elevano nella immaginazione dell’osservatore tanto quanto nel nostro orizzonte. Essi si contraddistinguono per il loro stile high-tech, per l’uso delle luci e del vetro e sono progettati per far interagire le persone che vi abitano con l’ambiente esterno. Anche grazie a creazioni come il New York Times Building e il Jean-Marie Tjibaou Cultural Centre di Nouméa, Piano ha consolidato il suo posto tra i più grandi architetti di tutti i tempi. Ed ora la mostra alla Royal Academy, che ha collaborato con lo stesso architetto nella progettazione dell’esposizione, mostrerà al pubblico come Renzo Piano sia partito negli anni Settanta da una famiglia di costruttori genovesi per diventare nel tempo l’archi-star che tutti oggi conoscono e ammirano.

La mostra illustrerà, dunque, l’intera carriera di Piano, partendo dall’influenza delle sue origini genovesi e giungendo sino ad oggi, con i progetti ancora in via di realizzazione. Ponendo l’attenzione su sedici edifici chiave, poi, la mostra svelerà la filosofia del lavoro di Renzo Piano – “tutto quello che facciamo è per le persone”, come afferma uno dei suoi collaboratori -che progetta gli edifici “Pezzo per pezzo”, in ogni singola parte con la medesima attenzione per giungere ad una prevista e pure poetica eleganza delle forme.

Nel cuore del percorso espositivo troverà posto una immaginaria “Isola”, una sorta di installazione scultorea che metterà insieme circa 100 progetti di Renzo Piano. 

(com.unica, 25 luglio 2018)

Share This: