[ACCADDE OGGI]

Il padre Giovanni Bovio fu un professore di filosofia, repubblicano e liberale, parlamentare eletto nella sua originaria Puglia. Mario Rapisardi, il bizzarro filosofo siciliano che si presentava con un biglietto da visita con la scritta “Mario Rapisardi non iscrive nei giornali; non accetta nomine accademiche, né candidature politiche ed amministrative; non vuol essere aggregato a nessun sodalizio; non ha tempo di leggere tutti i libri che gli mandano, molto meno i manoscritti; né di rispondere a tutti coloro che gli scrivano. E di ciò chiede venia ai discreti”,  così descrisse Giovanna Bovio “cittadino di spartana austerità fra il mercimonio affannoso dei politicanti, pensatore solitario fra lo strepito di cozzanti dottrine, artefice possente di stile fra la pretenziosa nullaggine dei parolai, traversò impavido le torbide correnti del secolo e ne uscì puro a fronte alta con l’animo illuminato dalla fede confortevole nell’ascensione perpetua del pensiero umano”.

Uno così come poteva chiamare il figlio nato a Napoli l’8 giugno 1883 se non Libero; così nacque Libero Bovio, don Liberato, poeta, scrittore, drammaturgo, e giornalista. E per Napoli, per l’Italia e per il mondo fu il sole e per consapevolezza universale fu riconosciuto “o paese addó’ tutt’ ‘e pparole, só’ doce o só’ amare, só’ sempe parole d’ammore”.

Libero Bovio, non segui le orme paterne, la politica non lo stuzzicava anche se da giornalista la seguiva e la criticava, rifuggiva i riconoscimenti accademici e si compiaceva del riconoscimento della gente che lo fermava per strada per chiedergli delle sue canzoni, delle sue poesie e del teatro che fu il grande amore della sua vita. Un amore non condizionato da stupido campanilismo che lo porterà, in contrasto con l’altro grande della sua epoca Salvatore Di Giacomo, a descrivere in “Gente Nosta”, in “‘O macchiettista ” e “‘O prufessore” un popolo di millantatori, di simulatori , di esperti dell’inganno e di istrioni spregiudicati; temi ripresi e ripetuti nelle sceneggiate a cui Bovio dedicò molto spazio della sua produzione artistica come in “Carcere ” , ” ‘E figlie” , “Zappatore ” , “Guapparia”. Ma l’amore per la sua città e per il suo popolo, anche se così brutalmente descritto, lo riversò nelle poesie che saranno canzoni sulla bocca di tutti “Tu ca nu chiagne” , “Silenzio cantatore” , “Reginella” , “Chiove” e anche in lingua “Cara piccina” , “L’addio” e “Signorinella”. Più che in altre cantò Il suo amore per Napoli e per la sua gente in “Passione”: “Cchiù luntana mme staje, cchiù vicina te sento…Chisá a chistu mumento tu a che pienze…che faje!…Tu mm’hê miso ‘int”e vvéne, nu veleno ch’è doce…Comme pesa ‘sta croce ca trascino pe’ te!…Te voglio…te penzo…te chiammo…te veco…te sento…te sonno…”.

L’ultimo pensiero prima di morire Libero Bovio lo dedicò alla moglie a cui naturalmente scrisse in versi anche per raccomandarle la sua Napoli: “Addio Marì / Canzone d’è canzoni / luce e compagna ‘e tutta ‘a vita mia ./ Addio te dico senza canto e suono / sulo cu ‘lluocchie d’a malincunia . / I’ lasso ‘o mare , tu ce pienze ? , ‘o mare / ‘o mare d’oro nun o veco cchiù ./ E cchiù maje veco l’albe chiare chiare / ch’erano fresche cumm’a ggiuventù ./ Addio Marì , salutammella Napule pe ‘mme. / Dille ch’è stata a passione mia ./ Dille che l’aggio amata quanto a tte ./ Marì , si stata a vita d’è canzoni , e mò si ‘a vita e chi non ce sta cchiù ./ I’ moro ‘mbraccio a tte / nun te ne adduoni ca io canto e moro sotto ‘o cielo bruno. / E moro e canto : “Napule, sì bella / e ‘o popolo sultanto è degno e te ./ Napule , sì na rosa , si na stella ca luce comm’a cche ./ Addio Marì , salutammelle Napule pe ‘mme. / Dille ch’è stata ‘a passione mia ./ Dille che l’aggio amata quanto a tte “.

Purtroppo oggi leggiamo che opere della collezione privata di Libero Bovio vengono messe all’asta piuttosto che conservate per arricchire quel museo della canzone napoletana sempre annunciato e mai realizzato. Ma Don Liberato lo sapeva bene tanto da aver detto “Napoli tutto tollera e perdona tranne l’ingegno”.

(Franco Seccia/com.unica 8 giugno 2017)

Share This: