Se siete ancora in attesa delle agognate ferie d’agosto e desiderate trascorrere un weekend fuori porta all’insegna del buon vino e alla scoperta di bellezze storico-artistiche, non potete perdervi, questo fine settimana, la decima edizione di “DiVino Etrusco”: la kermesse che celebra l’antico legame tra il vino ed il popolo etrusco, e che dal 29 al 31 luglio (dalle ore 21 fino a notte fonda) animerà il centro storico di Tarquinia.

Anche quest’anno “DiVino Etrusco” offrirà l’imbarazzo della scelta al suo pubblico, in un meraviglioso percorso tra cultura, cibo e vini, che si snoderà tra le vie e le principali piazze dell’antica cittadina della Tuscia. Piazza Cavour, piazza Soderini, piazza Duomo, via Umberto I, piazza San Giovanni, piazza Santo Stefano, via delle Torri, piazza San Martino, via Giuseppe Garibaldi e via Alberata Dante Alighieri saranno il teatro degli eventi del “DiVino Etrusco” di quest’anno.

La tavola rotonda del 29 luglio, intitolata ”il racconto del territorio per il futuro del vino italiano”, darà il via al ricco calendario del Divino Etrusco2016. Qui l’enologo Riccardo Cotarella, il prof. Andrea Ciacci (progetti “VINUM”, “ArcheoVino”, e “Senarum Vinea”) il dott. Pericle Paciello, insieme al prof. Fabio Mencarelli, docente di enologia dell’università della Tuscia di Viterbo, alla presenza del sindaco Mazzola, discuteranno di marketing territoriale: in particolare gli studiosi evidenzieranno l’importanza della cultura e del rapporto tra l’arte, la storia e l’ambiente come fattori fondamentali per il turismo enogastronomico.

Ma non finisce qui ed oltre a poter assaggiare i vini di Tarquinia e dintorni, passeggiando tra le caratteristiche vie e piazze del centro storico, quest’anno la manifestazione offrirà la possibilità di ascoltare musica, assistere a performance di danza, spettacoli, mostre ed eventi per tutti i gusti e le età, in ogni angolo della città.

Inoltre la novità di quest’anno sarà l’opportunità di partecipare a due degustazioni di vini guidate, grazie alla collaborazione con la Fisar Delegazione Viterbo e Stefano Ronconi, giornalista enogastronomico (Vini Buoni d’Italia, Espresso, Scatti di Gusto). Il 30 luglio alle ore 19.30 nella sala consiliare del palazzo comunale infatti si svolgerà la prima degustazione guidate con i vini delle città etrusche della costa; poi alle ore 21.30, avrà luogo la seconda degustazione con i vini delle città etrusche dell’entroterra. Solo 25 i posti a disposizione per ogni degustazione, bisognerà affrettarsi quindi e prenotarsi all’ufficio informazioni turistiche (tel. 0766/849282) per assicurarsi l’ingresso.

I cavalli alati

I cavalli alati

Sempre il 30 luglio dalle ore 19:30 alle ore 24:00 nel quattrocentesco Palazzo Vitelleschi, sarà possibile anche ammirare, gratuitamente ed in notturna, i capolavori del Museo Archeologico Nazionale Tarquiniense. Come i celebri ‘Cavalli Alati’: il preziosissimo altorilievo etrusco, risalente al IV secolo a.C che raffigura due cavalli alati in procinto di spiccare il volo, uno spettacolare reperto rinvenuto nella sede dell’antica città etrusca nel 1938, nella stessa area di scavo del ritrovamento del grande tempio della cosiddetta “Ara della Regina” di Tarquinia.

Ben venti aziende vinicole del territorio tarquiniense nel frattempo, offriranno il meglio delle loro cantine nel centro storico della città per tutto il weekend: Muscari Tomajoli, Gotto d’Oro, Terre Giorgini Santa Maria, Etruscaia, La tenuta Sant’Isidoro, l’agriturismo Poggio Nebbia, la cantina di Cerveteri, Villa La Ripa, Villa Puri solo per citarne alcune.

Anche lo street food giocherà la sua parte in questa festa del gusto e dell’arte: ristoranti, bar, osterie, pasticcerie, rosticcerie, pizzerie ecc. proporranno le loro leccornie a tutti gli amanti del vino giunti a Tarquinia. Occhio agli expo banner del DiVino Etrusco quindi: tutte le attività che parteciperanno all’ iniziativa infatti, saranno facilmente riconoscibili al pubblico perché esporranno in vetrina il logo della rassegna.

“Con il DiVino Etrusco vogliamo offrire alle persone un’esperienza totalizzante – dichiara l’assessore al turismo, Sandro Celli – Da una parte offrendo la possibilità di far conoscere il mondo del vino; dall’altra presentando la città nella sua veste migliore, quella di un centro dallo straordinario patrimonio storico e artistico capace di fare rete con le sue componenti istituzionali, associative ed economiche.’” DiVino Etrusco è organizzato dal Comune di Tarquinia con il sostegno della Regione Lazio (Visit Lazio), in collaborazione con la Pro Loco Tarquinia, ed i patrocini della Provincia di Viterbo e della Camera di Commercio di Viterbo.

(Valentina Franci/com.unica 29 luglio 2016)

Share This: