L’orrore nella prigione di Saydnaya, dove gli uomini del dittatore Assad massacrano gli oppositori del regime.

Secondo il rapporto di Amnesty International, pubblicato oggi, 13.000 persone sono state impiccate a Saydnaya (una delle prigioni più importanti del Paese, situata a 30 chilometri a nord da Damasco) tra il settembre 2011 e il dicembre 2015. Prima di essere condannate a morte, le vittime affrontano ciò che le autorità siriane definiscono “processo” nella corte militare da campo. In realtà, esso costituisce una procedura di uno o due minuti effettuata in un ufficio, di fronte ad un ufficiale militare, dove di fatto il nome del detenuto è annotato su un registro di morte. Qualcuno ha definito questa prigione “il luogo più crudele sulla faccia della terra, una macchia nera nella mappa dei diritti umani”. Per la Ong si tratta di crimini di guerra e crimini contro l’umanità che, con ogni probabilità, sono ancora attuali.

Il giorno dell’esecuzione, che le guardie della prigione definiscono come la festa”, prelevano  coloro che saranno messi a morte dalle loro celle nel pomeriggio. Le autorità informano  i detenuti  che saranno trasferiti  in una delle prigioni civili, che molti considerano essere in condizioni migliori. Essi sono invece trasferiti in una cella sotterranea dove vengono duramente picchiati.

Una ex guardia ha descritto come i detenuti sono duramente colpiti durante la notte prima di essere trasportati  nella “stanza di esecuzione”: “chiunque arrivi può colpirli, finché non arriva l’ufficiale. Già sappiamo che moriranno in ogni caso, quindi facciamo ciò che vogliamo con loro.” – ex guardia della prigione di Saydnaya.

La stanza di esecuzione a Saydnaya è stata ampliata dopo il giugno 2012, così da poter uccidere più persone in una sola volta. I cappi sono allineati al muro. Entrando nella stanza, le vittime sono bendate e non sanno che stanno per morire. Viene poi chiesto loro di presentare le proprie impronte digitali per documentare la loro morte. Infine, sono portati, ancora bendati, su piattaforme di cemento e impiccati. Non sanno come o quando l’esecuzione avverrà fino a che i cappi sono posti intorno al loro collo. I detenuti all’interno dell’edificio nei piani superiori alla stanza di esecuzione hanno riportato che a volte hanno sentito il rumore delle impiccagioni.

“Se metti l’orecchio sul pavimento puoi sentire il suono di una specie di farfugliamento. Questo dura circa 10 minuti … dormivamo  sul suono delle persone strangolate a morte. Ad un certo punto, questo è diventato normale.” – Hamid, ex detenuto.

I corpi delle vittime sono poi caricati sui camion e sepolti nelle fosse comuni su territorio militare, fuori Damasco. Ad oggi, i detenuti vengono ancora trasferiti a Saydnaya e “processati” nella corte militare di campo ad al-Qaboun. Non vi è alcuna ragione per pensare che le esecuzioni siano terminate.

Seguendo questo link è possibile firmare l’appello di Amnesty.

(com.unica, 7 febbraio 2017)

Share This: