Come and join us! Con questo invito viene lanciata la decima edizione del Festival Internazionale del Giornalismo. Per gli organizzatori il giornalismo è principalmente partecipazione e conversazione. E il Festival vuole celebrare proprio questo aspetto in occasione della sua edizione 2016.

La voglia di confrontarsi, il bisogno di raccontare storie, l’importanza fondamentale di condividere esperienze sono come sempre la cifra distintiva del Festival. Dove sta andando il giornalismo? Stiamo vivendo quello che potremmo definire uno stato di rivoluzione permanente. Un modello di business definitivamente in crisi, diversi modelli da sperimentare e diverse concezioni del giornalismo messe continuamente alla prova.

Fact-checking, data journalism, explanatory journalism, il ruolo giornalistico delle piattaforme, paywall vs crowdfunding, l’era dei video e del mobile, robot journalism, realtà virtuale, il coinvolgimento dei lettori e il ruolo civico dell’informazione, la crisi dell’homepage, alla ricerca della “nuova” obiettività, il giornalismo mobile first, capire l’audience oltre le metriche, social networks vs media mainstream: ultimo atto, il caso Spotlight e il potere del giornalismo di cambiare le cose.

Il pubblico e gli speaker in arrivo da tutto il mondo saranno impegnati ad affrontare questi temi che riguardano strettamente la riflessione giornalistica, ma anche tematiche legate all’attualità: i migranti, le guerre, il terrorismo, la rinascita dei nazionalismi, l’Europa in crisi e le nuove sfide della democrazia, la privacy e la sorveglianza di massa, la libertà di espressione e la lotta contro la censura, il ruolo delle organizzazioni non governative nel coprire territori di guerra. Come sempre arriveranno da tutto il mondo i volontari, 194 fra studenti, aspiranti giornalisti, fotografi provenienti 19 diversi paesi: Brasile, Bulgaria, Camerun, Egitto, Francia, Germania, Grecia, India, Iraq, Italia, Kenya, Lituania, Regno Unito, Russia, Slovenia, Spagna, Sri Lanka, Stati Uniti, Ungheria.

Main sponsor della decima edizione del Festival saranno Amazon ed Eni, mentre partner istituzionale sarà la Regione Umbria, con cui il team del Festival ha realizzato anche quest’anno un “racconto digitale” dell’Umbria e dei luoghi del Festival per promuovere il territorio e le sue bellezze: umbria.festivaldelgiornalismo.com e umbria.journalismfestival.com. Il tema di quest’anno è il Giubileo.

Confermati gli sponsor Google, Nestlé, Sky e in qualità di sponsor istituzionale la Commissione Europea Rappresentanza in Italia. Per la prima volta saranno sponsor del Festival Twitter e Flair Media Consultancy. Partner tecnico TIM.mn Grazie al sostegno degli sponsor pubblici e privati anche quest’anno siamo riusciti ad organizzare quello che viene considerato il più importante media event nel panorama europeo e non solo: 5 giorni, oltre 200 eventi, oltre 500 speaker da 34 paesi diversi, e come sempre tutto rigorosamente a ingresso libero e in live streaming.

#ijfTALK16

Quattro i talk di 16 minuti affidati a personalità del mondo dei media molto diverse tra loro, che porteranno al festival le loro storie, le loro esperienze, le loro riflessioni. Quattro incontri sul mondo del giornalismo che cambia e sulla battaglia per la democrazia e la libertà di informazione.

Mark Little (introduce e modera Anna Masera, public editor La Stampa): Twitter compie dieci anni: quale futuro per la piattaforma che ha rivoluzionato le news? Mark Little ha fondato Storyful, una delle più importanti piattaforme di verifica dei contenuti online acquistata nel 2013 da News Corp. Dal novembre 2015 è vicepresidente media per Europa e Africa di Twitter.

Peter Greste (introduce e modera Marina Petrillo, Reported.ly): La guerra al terrore e la guerra alla libertà di informazione. Pluripremiato giornalista e corrispondente australiano che ha lavorato per Reuters, CNN, BBC e, più recentemente, per Al Jazeera English. Come corrispondente ha coperto soprattutto il Medio Oriente, l’America Latina e l’Africa. Nel 2013, agenti di sicurezza egiziani lo hanno arrestato insieme ad altri due giornalisti di Al Jazeera, accusandoli di “mettere a repentaglio la sicurezza nazionale”. Da qui la campagna internazionale di Al Jazeera per il loro rilascio, #JournalismisnotaCrime. Nel giugno 2014 è stato condannato a sette anni di carcere; nel febbraio 2015, a un mese dalla decisione di un nuovo processo per i tre giornalisti, Greste è stato espulso e rimpatriato in Australia, mentre i suoi due colleghi – Baher Mohamed e Mohamed Fahmy – sono stati rilasciati su cauzione.

Hossein Derakhshan (introduce e modera Carola Frediani, La Stampa): Il giornalismo nell’era post-web: cosa abbiamo perso, cosa abbiamo conquistato, cosa ci aspetta. Scrittore e blogger iraniano-canadese. È stato un pioniere dei blog in Iran, tanto da essere considerato in patria “the BlogFather”. Ha trascorso sei anni in prigione in Iran, dal 2008 al novembre 2014. Scrive di media, tecnologia e Iran per varie testate, tra cui Hamshahri Javan, e condivide i suoi pensieri su Twitter e Medium con l’account @hod3r. Su Medium ha pubblicato The web we have to save (luglio 2015), dove esprime tutta la sua preoccupazione per lo stato di salute del “web” che ha ritrovato dopo la sua scarcerazione. L’articolo è stato ripreso da Liberation, Die Zeit, Corriere della Sera, El Pais, Folha de Sao Paulo e The Guardian. Derakhshan è anche il creatore di Link-age, progetto artistico per promuovere un uso più aperto di Internet.

Iyad El-Baghdadi (introduce e modera Barbara Serra, Al Jazeera): Cosa è rimasto della Primavera arabaAttivista per i diritti umani e scrittore. Apolide, cresciuto negli Emirati Arabi, da cui è stato espluso dopo essere stato arrestato. Ha avuto un ruolo importantissimo durante la Primavera Araba. Dal suo account Twitter ha informato sulla rivoluzione in Egitto, traducendo dichiarazioni, canti e video dall’arabo all’inglese, permettendo così al pubblico internazionale di capire quanto stava accadendo. Il lavoro di informazione e traduzione è continuato anche durante la rivoluzione in Libia, quando El-Baghdadi è diventato celebre per le sue mappe, che mostravano le posizioni strategiche sul territorio. Dopo il marzo 2011, si è fatto conoscere inoltre per il suo Manuale del tiranno arabo, una collezione di tweet satirici rivolti ai dittatori in crisi. La lista canonica di tweet è stata tradotta in 13 lingue, e l’hashtag #ArabTyrantManual è ancora oggi utilizzato. Il suo lavoro più importante è The Arab spring manifesto, un libro in due volumi dove espone la visione di un Islam libertario come ideologia post Primavera araba. 

(Sebastiano Catte, com.unica 8 marzo 2016)

Share This: