La Corte d’appello scozzese ha dichiarato illegittima la richiesta del premier Boris Johnson di sospendere i lavori parlamentari a meno di due mesi dalla Brexit (Ap). Il governo ha annunciato ricorso (The Times).

Rialzo del prezzo dell’energia, carenze di generi alimentari, rischio di disordini: sono alcune delle conseguenze di una Brexit senza accordo secondo il rapporto “Yellowhammer”, che il governo britannico ha dovuto rendere pubblico dopo una mozione parlamentare (Independent). Il premier britannico ha rifiutato la mano tesa di Nigel Farage per un patto pre-elettorale con i Tory. In cambio il leader del Brexit Party aveva chiesto di procedere con l’uscita dall’Ue senza accordo (Guardian).

Rivolgendosi al Bundestag la cancelliera Angela Merkel ha messo in guardia su un’uscita disordinata del Regno Unito dall’Ue, che farebbe di Londra un competitor alla stregua di “una Singapore sul Tamigi” (Guardian). “Da un lato, in quanto europei, siamo più deboli con l’uscita della Gran Bretagna – h detto – ma dall’altro lato, questo è il momento di sviluppare nuovi punti di forza”. E ha poi aggiunto: “Nessun paese al mondo può risolvere i suoi problemi da solo e se tutti lavoriamo l’uno contro l’altro non vinceremo. Credo ci siano le condizioni per arrivare a situazioni vantaggiose per tutti, se lavoriamo insieme.”

Il ministero dell’Interno britannico ha annunciato intanto che gli studenti stranieri che si laureano nel Regno Unito potranno rimanere nel paese per due anni, dopo la laurea, per cercare un lavoro stabile. Il vincolo precedente, fissato da Theresa May, era di quattro mesi (Cnn). 

com.unica, 12 settembre 2019

Share This: