Ungheria e Repubblica Ceca hanno smentito di aver acconsentito alla proposta della cancelliera Angela Merkel per il ricollocamento all’interno dei propri confini dei richiedenti asilo (Repubblica). L’Italia non figura tra i 14 Paesi che dovrebbero sottoscrivere l’accordo. Secondo il ministro degli Esteri Enzo Moavero, che propone di investire i proventi della web tax per sostenere i Paesi africani perché frenino i migranti, il summit ha posto le basi per una cooperazione tra gli Stati Ue in fatto di accoglienza, riporta La Stampa. 

La nave Open Arms ha raccolto in acque Sar libiche 59 migranti: Matteo Salvini, commentando la notizia, ha negato nuovamente l’accesso ai porti italiani, sostenendo che l’imbarcazione si trovi più vicina a Malta. Ma il ministro dell’Interno maltese, Michael Farrugia ha precisato, pubblicando una mappa, che l’intervento ha avuto luogo “Solo per chiarire che l’intervento della OpenArms è accaduto in zona Sar libica tra Libia e Lampedusa, Italia. La smetta di diffondere notizie scorrette tirando in ballo Malta senza alcuna ragione.”

L’eurodeputato spagnolo socialista Javi Lopez su Twitter ha spiegato che tra quelle 59 persone salvate, di 14 nazionalità diverse, ci sono quattro minori e due di loro sono soli, non accompagnati. Lopez è tornato anche sul naufragio di ieri al largo delle coste libiche, in cui sono morte 100 persone: “L’Open Arms avrebbe potuto salvarli, ma questo è stato ignorato dalle autorità libiche e italiane”. E su Fb la Ong posta un video del suo fondatore Oscar Camps: “Almeno 100 persone sono morte nel Mediterraneo. Mentre l’UE firma accordi politici che uccidono persone innocenti: Astral e Open Arms, le uniche imbarcazioni di soccorso medicalizzate nella zona, sono state escluse da ogni intervento. Ci mandando via dal mare mentre persone muoiono e molte altre moriranno”. E sul suo profilo Twitter Oscar Camps è ancora più diretto e attacca Salvini: “Sono morte affogate almeno 100 persone, tre di loro erano bambini”. “Però – aggiunge – tranquilo @matteosalvinimi, No eran italianas! Solo ‘carne humana’…”.

Durante una visita all’hotspot di Pozzallo, in Sicilia, il presidente della Camera Roberto Fico ha dichiarato di essere contrario alla chiusura dei porti, prendendo pubblicamente una posizione diversa da quella del governo. I vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini commentano: “È un punto di vista personale” (Ansa). 

(com.unica, 1 luglio 2018)

Share This: