Inizia domani in commissione Bilancio al Senato l’esame delle proposte di modifica della legge di Bilancio. I lavori andranno avanti a ritmo serrato fino a lunedì 27 novembre, giorno in cui il testo approderà in aula. Mercoledì la Commissione europea, che per bocca del suo vicepresidente Jyrki Katainen aveva già manifestato preoccupazione sui conti italiani, esprimerà un primo parere sulla manovra. Il giudizio definitivo di Bruxelles, comunque, non arriverà prima della primavera. 

Capitolo pensioni. Tra le risorse da reperire ci sono quelle per prorogare l’Ape social ed esentare dallo scatto dell’aumento dell’età pensionabile 15 categorie di lavoratori che svolgono mansioni gravose (Corriere). Domani si riapre il tavolo tra l’esecutivo e i sindacati dopo lo strappo della scorsa settimana: Cisl e Uil hanno posizioni più morbide, mentre la Cgil resta ferma nella contrarietà all’innalzamento a 67 anni dell’età pensionabile (Il Sole 24 Ore). Il governo punta a un’intesa, ma il Messaggero scrive che in caso di mancato accordo l’esecutivo potrebbe ritirare il pacchetto. 

Martedì e mercoledì, in commissione bicamerale d’inchiesta, è previsto il secondo confronto Bankitalia-Consob sulla crisi delle banche venete e su Mps. Mercoledì scade anche il termine per presentare le liste dei consiglieri dell’istituto senese e parte l’aumento di capitale di Carige. Sulla Stampa oggi il presidente dell’Abi Antonio Patuelli si dice d’accordo sulla proposta del Csm di istituire una super procura che indaghi sulle banche. 

(com.unica, 20 novembre 2017)

Share This: