[ACCADDE OGGI]

Vide ‘o mare quant’è bello, spira tanto sentimento, Comme tu a chi tiene mente, Ca scetato ‘o faje sunnà. Guarda ca chistu ciardino; Siente, sie’ sti sciure arance: Nu profumo accussi fino Dinto ‘o core se ne va… E tu dice: “I’ parto, addio!” T’alluntane da ‘stu core…Da la terra de l’ammore…Tiene ‘o core ‘e nun turnà? Ma nun me lassà, Nun darme sto turmiento! Torna a Surriento, famme campà!”.

Tutti hanno cantato e cantano questi versi anche se tradotti e adattati alle più disparate lingue del mondo. Da Tito Schipa a Luciano Pavarotti, da Beniamino Gigli a Placido Domingo, da Elvis Presley a Dean Martin, da Meat Loaf a Giuni Russo, solo per citarne alcuni. E tutti hanno pensato e pensano che l’invito a tornare a Sorrento, o se preferite il “Come Back to Sorrento”, gli autori di queste note e di questi versi, i fratelli Ernesto e Giambattista De Curtis, l’abbiano rivolto ad una bella ragazza. Ebbene no! “Torna a Surriento” era riferito a un uomo baffuto e nemmeno particolarmente attraente. Si trattava di Giuseppe Zanardelli appartenente alla sinistra storica che in qualità di Presidente del Consiglio dei Ministri e perciò capo del governo fece visita alla città dei giardini che si affacciano sul mare del golfo di Napoli. Vi arrivò in quel settembre del 1902 carico di promesse per Sorrento e in particolare per la risistemazione della sua malconcia rete fognaria e quando ripartì, il 15 settembre 1902, udì le parole della canzone dei De Curtis che suonavano ad ammonimento per il mantenimento delle promesse fatte… Torna a Surriento, famme campà!

Certo era l’epoca in cui, in special modo a Napoli, le canzoni venivano commissionate come spot di avvenimenti particolari. Fu così per “Funiculi’ funicula’”, scritta in occasione dell’inaugurazione della Funicolare del Vesuvio, e fu così per festeggiare l’arrivo a Napoli dell’illuminazione pubblica con “’E Lampadine” … “Sti core nuoste, parono doje lampadine elettriche: S’appicciano…se stutano…se tornan’a appicciá…E l’ammore, ca pe’ spasso ll ‘elettricista fa, stuta a te, appiccia a me, pe’ mme fá cchiù cunzumá…E luce, luce, luce, luce elettrica!”.

Altri tempi e riandando a “Torna a Surriento” non possiamo affermare se le promesse dello Zanardelli furono mantenute. Possiamo solo aggiungere che mentre la canzone dei De Curtis ha fatto e continua a fare il giro del mondo, oggi, nell’epoca della grande comunicazione di massa che ha tempi reali di trasmissione, i capi di governo vengono accolti a suon di fischi e trambusto perché le promesse sono tante ma i fatti restano pochi.

(Franco Seccia/com.unica 15 settembre 2017)

Share This: