Nel primo giorno di negoziato per la Brexit a Bruxelles, il Regno Unito, ha dovuto rinunciare ai colloqui sul tema del commercio. L’Ue ha stabilito che prima devono essere discussi i termini del “divorzio”, in particolare per quanto riguarda i diritti dei cittadini europei e britannici, l’assetto finanziario e la questione del possibile risorgere della frontiera tra Eire e Irlanda del Nord (Bbc). Intanto Londra ha annunciato che la premier Theresa May giovedì volerà a Bruxelles con una proposta per tutelare i cittadini dell’Ue che vivono in Regno Unito.

Fra i temi caldi legati a Brexit c’è anche lo spostamento di due importanti autorità europee che attualmente hanno sede a Londra: l’Eba (European Banking Authority) e l’Ema (European Medicine Authority, l’Agenzia per i farmaci). Entro il 31 luglio i Paesi interessati ad ospitare le due autorità dovranno proporre la propria candidatura (Sole24Ore). Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker hanno inviato ai paesi membri alla fine della settimana scorsa una proposta di tabella di marcia. Entro il 31 luglio, i paesi interessati a ospitare una delle due istituzioni devono presentare atto formale di candidatura. L’Italia si è già candidata ad ospitare l’Ema a Milano. Nel frattempo, i Ventisette devono accordarsi sui criteri da seguire e sulle modalità di decisione. Per quanto riguarda invece l’Eba la favorita sembra essere Francoforte, per via della presenza della Banca centrale europea nella stessa città tedesca.

(com.unica, 20 giugno 2017)

Share This: