l presidente americano ha risposto su Twitter alla notizia sulle indagini a suo carico nel Russiagate. “Hanno costruito una collusione fasulla senza alcuna prova”, ha scritto. Per Trump si tratta della “più grande caccia alle streghe della storia Usa” (Politico). Ma le indagini continuano: il procuratore speciale per il Russiagate Robert Mueller ha chiesto un’audizione con tre alte cariche dell’intelligence: il direttore nazionale dell’intelligence Dan Coats, quello della Nsa Michael S. Rogers e il suo ex vice Richard Ledgett. È l’ennesima prova, scrive il Nyt, che si indagherà sulla possibile ostruzione alla giustizia da parte di Trump. Mike Pence, vicepresidente degli Usa, ha assunto un avvocato per affrontare l’indagine dell’Fbi (Ft, Reuters). Da Mosca intanto arriva la notizia che Vladimir Putin ha detto di essere pronto a dare asilo a Mosca all’ex capo del Fbi James Comey licenziato da Trump (Npr).

Nonostante questo susseguirsi di notizie allarmanti sul suo conto il presidente Usa guarda comunque avanti e fa sapere che è pronto ad approvare restrizioni ai viaggi e agli investimenti americani a Cuba. La marcia indietro dovrebbe essere annunciata oggi a Miami (Reuters). Germania e Austria hanno condannato la proposta Usa di nuove sanzioni contro Mosca, che colpisce le imprese che supportano le esportazioni di energia dalla Russia (Ft). La Stampa scrive che Donald Trump è pronto a sferrare un colpo all’industria europea dell’acciao e alluminio chiudendo le porte americane ai produttori del Vecchio Continente. Sul tema dei cambiamenti climatici una sfida arriva a Trumb dall’imprenditore Michael Bloomberg, ospite a Torino della Fondazione Agnelli: «Il cambiamento climatico ha il potenziale di distruggere ogni essere vivente» e rischia di trasformare la Terra «in un deserto» afferma l’ex sindaco repubblicano di New York.  

(com.unica, 16 giugno 2017)

Share This: