Il direttore generale dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, William Lacy Swing, l’alto commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi, l’alto commissario per i Diritti Umani, Zeid Ra’ad Al Hussein, e il rappresentante speciale del Segretario Generale dell’ONU per la Libia, Martin Kobler, si sono incontrati nei giorni scorsi a Ginevra per sottolineare la necessità di un approccio globale per affrontare la situazione dei migranti e dei rifugiati in Libia, nonché per aiutare le centinaia di migliaia di libici sfollati e colpiti dalla crisi.

Insieme a molti libici, migranti e rifugiati sono fortemente colpiti dai conflitti in corso e dall’interruzione dell’ordine pubblico in Libia. Un numero imprecisato di migranti e rifugiati, in particolare coloro che sono vittime dei trafficanti in Libia e quelli in stato di detenzione, sono sottoposti a gravi abusi e violazioni dei diritti umani. Migranti e rifugiati sono trattenuti in stato di detenzione al di fuori di qualsiasi procedura legale e in condizioni che sono generalmente disumane. Sono esposti a malnutrizione, estorsione, torture, violenza sessuale e altri abusi.

I quattro rappresentanti delle Nazioni Unite sottolineano la necessità di una stretta cooperazione a livello regionale e internazionale e la necessità di guardare ai fattori chiave che danno origine ai flussi di migranti e rifugiati, migliorando allo stesso tempo i percorsi regolari. A tal proposito, accolgono con favore iniziative volte a rafforzare la protezione dei diritti umani dei migranti e dei rifugiati, salvare vite umane in mare e affrontare le ragioni per le quali gli individui si affidano alla migrazione precaria e irregolare. I quattro vertici lanciano un appello alla solidarietà internazionale per affrontare questa crisi, che coinvolge non solo la Libia, ma anche i Paesi di origine, di transito e di destinazione.

(aise/com.unica, 14 febbraio 2017)

Share This: