A Bergamo decide Gomez su rigore. Bologna-Torino 2-0: Dzemaili condanna i granata. Genoa-Crotone finisce in parità 2-2.

I viola dopo il successo contro la Juventus escono con altri 3 punti dal Bentegodi e non mollano il gruppone di squadre che lottano per conquistare un piazzamento europeo. Nel primo tempo i viola vanno in vantaggio al 18 con l’ex Barcellona Tello che ruba palla a Dainelli, si invola davanti alla porta di Sorrentino e lo fulmina di sinistro. Al 51′ la Fiorentina ottiene un calcio di rigore per un fallo, ingenuo, di Cacciatore su Chiesa: dal dischetto Babacar sigla il 2-0 per gli ospiti. Nel finale ecco il primo gol in Serie A di Chiesa che riceve palla da Cristoforo e batte per la terza volta Sorrentino. Con questa vittoria la Viola si porta all’ottavo posto in classifica a quota 33 punti, mentre il Chievo Verona, alla quarta sconfitta consecutiva in campionato, resta fermo a 25.

Il Napoli passa per 2-1 a San Siro: se questa era la sfida da cui sarebbe dovuta uscire la pretendente più chiara per il terzo posto, il verdetto è arrivato: la partita e la classifica dicono Napoli in virtù dei tre punti (ora gli azzurri sono a +7 sul Milan, che però ha una gara in meno), un po’ meno in termini di gioco, dal momento che gli uomini di Sarri hanno dato spettacolo per la prima mezzora e poi si sono inspiegabilmente fermati. Quella campana resta però una vittoria pesantissima in chiave Champions, in casa di una diretta concorrente. Il Milan infatti fallisce un crocevia fondamentale per il podio del torneo, restando ovviamente in piena corsa per l’Europa League.

Juventus ok con la Lazio nell’anticipo delle 12,30 di questa 21esima giornata. Allo Stadium finisce 2-0 per i bianconeri: apre le danze Dybala al 5′ del primo tempo, mentre il raddoppio è del Pipita Gonzalo Higuain al 16esimo della ripresa. I bianconeri consolidano così il loro primato in classifica e salgono a 48 punti, mentre i biancocelesti restano fermi a quota 40.

L’Inter si impone sul campo del Palermo grazie a una rete di Joao Mario. Con questo successo, la squadra di Pioli (espulso nella ripresa, così come Ansaldi) prolunga la sua serie positiva, portandola a sei vittorie di fila in campionato (sette se consideriamo la Coppa Italia). L’Inter ora è quinta, a quota 39: Milan scavalcato e Lazio nel mirino. Dopo un primo tempo equilibrato, con il Palermo che reclama un rigore per trattenuta di Gagliardini su Goldaniga e con l’Inter che si rende pericolosa solo con una botta di Brozovic parata da Posavec e ribattuta sopra la traversa da Icardi, nella ripresa i nerazzurri (oggi in bianco) premono sull’acceleratore. Occasioni per Gagliardini e Icardi, e rete di Joao Mario (entrato al posto di Banega) da distanza ravvicinata. Finale convulso e nervoso, con le espulsioni di Ansaldi e Pioli, le proteste del Palermo per una rete annullata (a gioco fermo) a Quaison, e l’espulsione di Gazzi.

Con un gol su rigore di Gomez, l‘Atalanta batte la Sampdoria 1-0 e scavalca il Milan al sesto posto, condannando i blucerchiati alla quarta sconfitta nelle ultime sei. In un match molto equilibrato, i nerazzurri passano con il penalty assegnato da Rizzoli al 10′ della ripresa per il fallo di Torreira su Petagna e trasformato dall’argentino. Da segnalare l’esordio in A dei baby Melegoni e Bastioni, entrambi 17 anni e frutto del vivaio dei bergamaschi.

Vittoria targata Dzemaili per il Bologna di Donadoni che al Dall’Ara ha battuto 2-0 il Torino. Con un gol per tempo i rossoblù hanno regolato la pratica grazie alla doppietta del centrocampista svizzero. Vantaggio al 43′ con un inserimento in area che capitalizza l’assist di testa di Krejci. Nella ripresa la reazione del Torino non arriva, Mihajlovic inserisce tutte le punte ma all’83’ ancora Dzemaili apre e chiude un contropiede.

Successo anche per il Sassuolo che passa sul campo del Pescara (1-3) con la doppietta di Matri e il gol di Pellegrini che domano Oddo. Colpo dell’Empoli che stende l’Udinese nei minuti finali con uno stacco imperioso di testa del georgiano Mchedlidze che al 38′ della ripresa decide la gara e regala tre punti d’oro ai toscani.

Pareggio ricco di gol a Marassi, dove Genoa e Crotone chiudono sul 2-2 un match che si accende nella ripresa. A passare in vantaggio è la squadra di Juric, che va a segno al 43′ grazie al destro di Simeone. I calabresi infilano l’1-1 al 54′, quando Ceccherini batte Lamanna di testa ma al 66′ ecco il nuovo vantaggio del Grifone, firmato dal rigore di Ocampos. Al 74′ arriva il definitivo 2-2 di Ferrari.

La Roma va. Vince in casa contro il Cagliari e rimane attaccata al treno scudetto. È’ finita 1-0 all’Olimpico (gol di Dzeko al 10′ del secondo tempo), con i giallorossi che si prendono i tre punti, mantenendosi a -1 dalla Juventus.

     

(Francesco Buono, com.unica, 22 gennaio 2017)

Share This: