Pescara-Cagliari 1-1, Caprari beffa i sardi al 92′. Torino ko: per i blucerchiati quarto successo consecutivo a Marassi. Il Sassuolo ne fa tre all’Empoli. La Viola supera (2-1) il Palermo.

Nella giornata in cui si attendeva di nominare l’anti Juve nulla è accaduto. Milan e Roma vincono, i rossoneri contro il Crotone per 2-1, i giallorossi contro la Lazio per 2-0. Così tutto resta come era, cioè la squadra di Montella e quella di Spalletti rimangono seconde a meno quattro dai bianconeri. A San Siro i calabresi avanti nel primo tempo con Falcinelli, pari di Pasalic, poi a quattro dal termine decide il solito e puntuale Lapadula.

Il derby del Cupolone si decide nella ripresa dopo un primo tempo in cui la squadra di Inzaghi fa di più, ma quella di Spalletti recrimina per un possibile rigore non dato. Siamo per i giallorossi alla quarta vittoria consecutiva nelle sfide con i biancocelesti, la Lazio è battuta 2-0. La Juventus di nuovo avvicinata a quattro punti in classifica, il Milan è ripreso al secondo posto dopo la vittoria all’ora di pranzo a San Siro col Crotone. Decidono i gol nel secondo tempo di Strootman (che festeggiando scatena una rissa tra i panchinari) e Naingolan, due centrocampisti, fotografia perfetta di una Roma orfana di Salah che ha saputo tirare fuori il meglio di sé dagli altri reparti. Da una difesa che non ha concesso grandi occasioni a una Lazio che ha patito la prestazioni assai negative di Keita e Felipe Anderson. Inzaghi, peraltro, ha pagato carissimi due errori individuali: quello di Wallace sulla rete di Strootman e quello di Marchetti sul raddoppio. Alla Lazio non resta che l’amarezza di un tabù che dura ormai da 7 derby e 1288 giorni, ovvero dalla vittoria nella coppa Italia, 26 maggio 2013.

Un gol di Caprari in pieno recupero beffa il Cagliari e regala al Pescara un punto importante per muovere la classifica. All’Adriatico finisce 1-1 al termine di una partita sbloccata da Borriello, bravo a liberarsi di Fornasier prima di superare Bizzarri al 24′. I sardi, in 10 uomini dal 33′ per l’espulsione di Di Gennaro (doppia ammonizione), vengono raggiunti da un sinistro dell’attaccante al 92′.

Quarta vittoria consecutiva in casa per la Sampdoria di Giampaolo. Dopo Genoa, Inter e Sassuolo a Marassi cade anche il Torino dell’ex Mihajlovic che rimedia il primo ko dopo un filotto di tre successi che avevano portato i granata quasi in zona Europa League. Sfida dai ritmi elevati con gli ospiti vicini al vantaggio a inizio partita (traversa di Falque) e poi inidirizzata al 6′ della ripresa da Barreto. Definitivo 2-0 di Schick nel recupero.

Pur condizionato da diverse assenze, il Sassuolo ha vinto con merito, al ‘Mapei Stadium’ di Reggio Emilia, per 3-0, sullo sterile Empoli. I neroverdi, così, dopo 2 pareggi e quattro sconfitte, sono tornati a conquistare i tre punti e dunque il sorriso. I toscani, di contro, non hanno fatto male ma sono apparsi ancora una volta poco incisivi. Gli azzurri sono rimasti, a quota dieci punti, in quart’ultima posizione, avvicinati ora dal Pescara; il Sassuolo invece è salito a 17 e si è allontanato dalla “zona calda”. Le reti: rigori di Pellegrini e Ricci, poi Ragusa.

Con un colpo di testa in pieno recupero di Babacar la Fiorentina supera il Palermo di Corini. Molti gli episodi discussi della gara a cominciare dalle reti annullate nel 1° tempo a Kalinic e Babacar, per finire al gol partita che ha deciso l’incontro. Bernardeschi aveva aperto su calcio di rigore, mentre Jajalo aveva pareggiato su perfetto calcio di punizione. Domani alle 19 Chievo-Genoa e alle 20,45 Udinese-Bologna.

(Francesco Buono/com.unica 4 dicembre 2016)

Share This: