La Roma perde l’occasione di portarsi a 3 punti dal secondo posto nonostante il doppio vantaggio iniziale con Digne e Nainggolan. I giallorossi di Spalletti non sono riusciti a beneficiare del tutto dell’assist di ieri sera dell’Inter: contro l’Atalanta finisce 3-3, nonostante il doppio vantaggio iniziale e secondo posto che resta lontano 4 punti. La rimonta orobica firmata da D’Alessandro e dalla doppietta di Borriello viene neutralizzata nel finale dall’intramontabile Totti.

La Juve vola a +9. Khedira, Pogba, Cuadrado e Padoin firmano il 4-0 che permette agli uomini di Allegri di affondare il Palermo e staccare definitivamente il Napoli nella corsa verso il quinto scudetto. I bianconeri, che salgono a quota 79 in campionato, battono così anche il record dell’Inter, che nella stagione 2006/07 aveva ottenuto 65 punti in 23 partite, ottenendone 67 sui 69 disponibili. Fin qui le buone notizie. A preoccupare Allegri, e forse anche Conte, infatti sono le condizioni di Claudio Marchisio: uscito al 12’ in barella per un problema al ginocchio. Nulla da fare per il Palermo, a secco di vittorie dallo scorso 24 gennaio, nonostante il ritorno in panchina di Davide Ballardini. La situazione dei rosanero ora si fa oltremodo complicata visto il successo con conseguente sorpasso del Carpi di ieri.

Il Palermo è ora penultimo a quota 28, scavalcato anche dal Frosinone (30) che passa 2-1 a Verona nel finale. Gli uomini di Stellone, che tornano al gol dopo tre turni di astinenza, vincono grazie alle reti di Russo e Frara. Al Verona non è bastato il gol di Bianchetti e il ritorno dal 1′ di Luca Toni. Torna al successo invece la Fiorentina. Un successo che mancava da sei partite. Non basta al Sassuolo il quinto centro in carriera ai viola, il settimo in questo campionato, di Berardi: Gonzalo Rodriguez, Ilicic ed un clamoroso autogol di Consigli firmano il 3-1 che permette alla Fiorentina di salire a quota 59 e allontanare la squadra di Di Francesco dal sesto posto. Quel sesto posto che vale l’Europa League e che in caso di successo del Milan stasera sarebbe distante 4 punti. Finisce 0-0 la sfida tra Udinese e Chievo. Simone Inzaghi concede il bis. Alla prima all’Olimpico, dopo il successo di Palermo, la Lazio guidata dall’ex centravanti conquista un’altra vittoria. Contro l’Empoli giungono tre punti utili per continuare a inseguire progetti di Europa League. Due gol nel primo tempo, con Candreva (rigore) e Onazi, bastano per chiudere la pratica. Convincente la prova della Lazio, che però nella ripresa sciupa molto in fase conclusiva. Quarta sconfitta di fila fuori casa per l’Empoli che una settimana fa aveva dato il meglio di sé nella vittoria contro la Fiorentina.

Nel posticipo della 33a giornata di Serie A, il Milan vince 1-0 a Marassi contro la Sampdoria e inizia nel migliore dei modi la nuova gestione Cristian Brocchi. Dopo un primo tempo equilibrato, in cui Valeri ha annullato tra le proteste un gol che è sembrato regolare a Dodò, il match è deciso da Baccaal 26′ della ripresa servito da Bonaventura. Con questo successo i rossoneri blindano il sesto posto: Lazio e Sassuolo sono a -4 punti.

(com.unica, 17 aprile 2016)

Share This: