Da uno studio di Blogmeter basato su una impressionante mole di dati (circa 600 milioni di tweet italiani raccolti nell’arco di due anni e mezzo, dal 2013 ad aprile 2015) emerge una propensione degli italiani al commento dei programmi televisivi, soprattutto quelli musicali, e ai fatti di cronaca, in particolare quelli di carattere politico. Grazie alle tecniche di data mining dei cosiddetti “Big Data” l’azienda di social intelligence è riuscita ad analizzare i comportamenti e gli umori degli italiani che si esprimono attraverso questo social network.

Dalla ricerca si può evidenziare la maturazione degli italiani nella padronanza del mezzo e nella consapevolezza riguardo le sue opportunità. Cresce, infatti, l’uso degli hashtag che si ritrovano nel 48% dei tweet analizzati, contro il 30,5% del dato 2013. Aumentano anche le menzioni, presenti del 66% dei tweet, contro il 57,5% del 2013.

Il volume dei tweet prodotti è abbastanza costante durante la settimana, ma il giorno in cui gli italiani twittano di più è il mercoledì, mentre quello nel quale si condivide di meno è il sabato. La fascia oraria in cui si twitta di più è quella serale dalle 21 alle 23, seguita dalle ore post pranzo, dalle 14 alle 16. Twitter si conferma uno strumento per la condivisione di notizie, tanto che il 35% dei tweet analizzati contiene un link ad una fonte esterna.

Il 33% dei hashtag più usati nel 2014 ha riguardato i programmi televisivi, il 19% i temi politici, il 13% i fatti di attualità di altro tipo, un altro 13% gli eventi sportivi e il 4% gli artisti musicali. Tra gli hashtag più usati nel 2014, quelli politici sono al primo posto: #Renzi, presente in 1,87 milioni di tweet, #M5S, in 1,79 milioni di tweet. A seguire quelli riguardanti trasmissioni televisive incentrate sulla musica: #Amici13 (usato in 1,3 milioni di tweet), #ItalianMTVawards (881.550), #TVOI, (832.000), #MTVEMA (804.000), #Sanremo2014 (639.511), #XF8 (552.000).

Vincenzo Cosenza, Strategist di Blogmeter, ha così illustrato i risultati della ricerca da lui stesso coordinata: “Le organizzazioni pubbliche e private devono saper individuare attraverso moderni strumenti di ascolto della rete in tempo reale, le opinioni spontanee delle persone al fine di usarle per sviluppare un dialogo proficuo e migliorare i propri servizi. In questo senso Twitter si configura come una straordinaria miniera di informazioni utili”.

(com.unica, 13 giugno 2015)

Fonte Blogmeter

Share This: