Alla vigilia della visita di Papa Francesco in Bosnia, l’Isis minaccia i Balcani con un nuovo video pubblicato su internet attraverso Al Hayat media center.

“Arriveremo con cinture esplosive, vi uccideremo”, afferma Abu Muqatil Al Kosovi, un militante islamico che dice di rappresentare il gruppo jihadista nella regione. Il video è lungo poco più di 20 minuti e si intitola “L’onore è nella Jihad: un messaggio al Popolo dei Balcani” (“Honor is in Jihad: A Message to the People of the Balkans”). Una voce narrante si alterna agli interventi di militanti islamici che rivolgono minacce alla regione balcanica. “Avrete paura a camminare per strada, avrete paura a lavorare in ufficio”, dice Al Kosovi.

“Sarete terrorizzati anche nelle vostre case”, minaccia il jihadista. “Vi sconfiggeremo con il permesso di Allah. Vi uccideremo, verremo con cinture esplosive” e “questo avverrà molto presto”, insiste il militante dell’Isis.

Miliziani dello Stato Islamico (Is) hanno giustiziato un uomo con un colpo di spada e poi lo hanno crocifisso dopo averlo riconosciuto colpevole di aver ucciso la zia e di averne nascosto il corpo per rubarle i soldi. Lo riporta l’Osservatorio siriano per i diritti umani sul proprio sito Internet, spiegando che l’esecuzione è avvenuta nel villaggio di Ba’ja, nel sud della Siria, alla presenza di numerosi civili, tra cui bambini.

Dell’Is, spiegano gli attivisti, hanno applicato la “regola della al-Heraba”, punizione prevista dal codice islamico per i reati di banditismo.

(com.unica, 5 giugno 2015)

Share This: