Con una doppietta e un assist, Dries Mertens guida il Napoli a un sofferto successo contro il Cesena e tiene vive le speranze azzurre di agganciare il treno Champions League. A due giornate dalla fine del torneo, il Napoli torna a tre punti dal terzo posto della Lazio e a quattro dalla Roma. Il successo arriva in un San Paolo ferito dalla delusione di Kiev, con la curva B che attua lo sciopero del tifo e una fetta dello stadio che fischia Higuain al suo ingresso in campo tra gli applausi del resto degli spalti. Benitez, squalificato, è nella tribuna dedicata alle tv, Pecchia in panchina a godersi l’esordio in A. Una partita da brividi al San Paolo quando i romagnoli passano in vantaggio con l’attaccante francese, che dopo l’uno-due del belga e Gabbiadini segna la rete del 2-2. Nella ripresa Mertens consegna la vittoria a Benitez. Il club chiede di giocare lunedì con la Juventus. Alla Fiorentina bastano 13’ per passare e mettere in discesa una partita che rischiava di essere complicata. Per il Parma che nonostante la retrocessione sancita da tempo ha sempre sfoggiato orgoglio e dignità (di qui gli applausi sportivi a fine gara da tutti i tifosi viola al Franchi) e ha messo in difficoltà nelle ultime settimane club come Juve, Roma, Napoli. Eppoi per il clima che dopo la sconfitta nella semifinale di Europa League con il Siviglia si era creato attorno alla squadra viola, con la polemica fra Montella e i tifosi. gol sono stati segnati al 13′ da Gonzalo Rodriguez che di testa ha battuto Mirante sfruttando una ribattuta di Lucarelli su cross di Ilicic. Raddoppio al 30’ ad opera di Gilardino che di testa gira in rete il corner calciato da Matias Fernandez. Il 3-0 al 56’ porta la firma di Salah che dribbla Jorquera e fredda Mirante nell’angolino basso. Con questa vittoria la Fiorentina sale a quota 58 punti in classifica scavalcando il Genoa a 56 e portandosi a due punti dal Napoli.

(com.unica, Elena Ciotta, 19 maggio 2015)

Share This: