Un’azione dimostrativa provocatoria e allo stesso tempo efficace è stata messa in atto ieri nella sede Parlamento Europeo di Strasburgo: per poter accedere alla sala della Commissione Plenaria è stato steso un tappeto di 100 metri che ha costretto gli europarlamentari a camminare sui nomi di chi è morto emigrando. Un lunghissimo elenco, con i 17.306 nomi delle persone che hanno perso la vita cercando disperatamente di raggiungere le coste dei paesi europei e dell’Italia in particolare. Sono state aggiunte anche le immagini delle impronte di mani, quelle delle oltre 6 mila persone che sono morte dal 2013 e, in particolare, le 1.700 persone che hanno perso la vita dall’inizio del 2015. Lo scopo dichiarato quello di mettere gli Europarlamentari davanti alle loro responsabilità e spingerli a interventi concreti che possano contribuire a mettere un freno a un dramma di dimensioni epocali.

Non bisogna dimenticare infatti che di recente il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione che si limita a invitare gli Stati membri dell’Unione ad accogliere una quota (non vincolante) di persone che fanno richiesta di asilo politico. Si tratta di misure decisamente insufficienti: come ricorda il sito Nerdcore.de, che ha dato la notizia dell’iniziativa, solo nello scorso fine settimana sono state salvate circa 6.800 persone dalla Marina militare italiana a largo delle coste della Libia.

(com.unica, 6 aprile 2015)

Share This: