A Roma il 25 aprile si festeggia in piazza del Campidoglio con le parole dei protagonisti, i loro ricordi, le immagini e la musica. Dalle 17.00 alle 20.00 si celebra La storia più bella, quella della liberazione dal nazifascismo di cui ricorre quest’anno il 70° anniversario. L’amministrazione capitolina ha deciso di dedicare il 25 aprile a due personalità di grande importanza per la città, recentemente scomparse: Massimo Rendina, comandante partigiano e poi presidente dell’Anpi di Roma, ed Elio Toaff, partigiano e poi rabbino capo di Roma. A testimoniare i valori dell’antifascismo, della Resistenza e della Costituzione e tramandare la memoria dei fatti e delle persone di quel momento storico in piazza si ritrovano le associazioni di partigiani e combattenti che hanno contribuito in prima persona alla liberazione e con loro il sindaco di Roma Ignazio Marino, il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e Franco Marini, presidente del Comitato Storico Scientifico per gli anniversari di interesse nazionale. Sullo sfondo scorreranno le immagini del documentario Papaveri Rossi sulla strada per Roma, del giornalista Rai Roberto Olla, e altri filmati sulla Resistenza e la Liberazione. Accanto alla rievocazione storica sono in programma l’esibizione dei 100 bambini dell’Orchestra e Coro delle scuole medie G. G. Belli e I .C. Vicovaro, la performance dei ballerini dello Swing Circus. Intanto la Scuola Romana dei Fumetti distribuisce ai cittadini una pubblicazione sulla Resistenza di Roma, realizzata per il Museo Storico della Liberazione di via Tasso dieci anni fa e oggi ristampata mentre autori e disegnatori della Scuola Internazionale di Comics e Scuola Romana dei Fumetti realizzano per il pubblico tavole e disegni originali.

Alle 10.30 l’appuntamento è a Porta San Paolo per la tradizionale manifestazione organizzata da ANPI Roma che vede protagoniste le associazioni partigiane, della deportazione, dei perseguitati dal fascismo, dei militari nei campi di concentramento e quanti hanno partecipato alla Guerra di Liberazione. Dal palco interverranno partigiane e partigiani, oltre ai rappresentanti delle Istituzioni comunali e regionali.

Fino al 14 maggio 2015 la Casa della Memoria e della Storia di Roma ospita la mostra Storie della Resistenza Italiana con uno sguardo sull’Europa resistente, con cui si rende omaggio ai caduti per la libertà e a tutti i protagonisti, riportando alla memoria la lotta contro il fascismo e il nazismo ricordando i settanta anni dalla Liberazione. Storie della Resistenza Italiana è un racconto per immagini della Resistenza Italiana e Europea che abbraccia il periodo che va dalla fase iniziale della Seconda Guerra Mondiale per concludersi con la promulgazione della Costituzione Italiana avvenuta il 27 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1° gennaio 1948. Ripercorrendo le fasi cruciali della lotta partigiana, la mostra mette in evidenza la fitta trama degli avvenimenti con una particolare sottolineatura degli aspetti di solidarietà, sacrificio e partecipazione dei popoli, stimolando la riflessione su quegli eventi storici e politici che hanno determinato la fine del nazi-fascismo in Europa e l’affermazione democratica con i suoi principi fondativi.

(com.unica, 24 aprile 2015)

Share This: