Finisce 0-0 tra Monaco e Juventus, quanto basta a Vidal e compagni per superare i quarti di finale dopo l’1-0 dell’andata: il risultato consente l’accesso alle semifinali di Champions League, turno che i bianconeri non raggiungevano dalla stagione 2002/03 (quando arrivò poi la sconfitta in finale ai rigori contro il Milan). Il tecnico dei bianconeri Massimiliano Allegri non era mai andato oltre i quarti di finale nella sua carriera: l’allenatore toscano raggiunge un traguardo storico, riportando la Juventus tra le migliori quattro d’Europa dopo 12 anni.

La partita regala pochissime emozioni, con un primo tempo di marca monegasca, che non mette però quasi mai a rischio il risultato dell’andata favorevole alla Juventus. Pericoloso Kondogbia per il Monaco, mentre Tevez riesce a creare poco, male assistito dai compagni, che sembrano pensare più ad addormentare la gara. Nella ripresa la Juventus rischia solo in due occasioni, quando Buffon esce male sugli sviluppi di una punizione, e quando Bonucci sbaglia un intervento difensivo, costringendo il portierone bianconero a salvare la situazione.

Nel finale la partita non regala emozioni, fatta eccezioni per un contropiede sprecato da Morata, che poco dopo lascia il campo per Llorente, e per una punizione di Pirlo, di poco a lato. Termina 0-0: quello che conta è che la Juventus è in semifinale.

(com.unica, 23 aprile 2015)

Share This: